TRIANGOLARE IN CARCERE CON IL PUBBLICO, AUDES SPONSOR DELL’EVENTO

La prima edizione del torneo “Pallalpiede” ha messo di fronte oltre alla squadra composta esclusivamente da detenuti del carcere, una selezione di giocatori delle giovanili di Padova e Cittadella in un evento dal sapore storico, perché per la prima volta sono entrate in carcere con una propria rappresentativa due società professionistiche.

Inoltre, sempre per la prima volta, è stata appositamente montata, ai bordi del campo, una piccola tribuna e alcuni spettatori, in via eccezionale, hanno potuto varcare i cancelli del penitenziario di Montà e assistere al triangolare. E, alla fine, a vincere davvero è stato il progetto di Pallalpiede, nato un anno e mezzo fa dalla caparbietà del presidente Paolo Maria Piva, che insegna l’italiano agli stranieri in galera al Due Palazzi, e dei suoi più stretti collaboratori, Lara Mottarlini e Andrea Zangirolami. Un progetto forse unico a livello nazionale e che, ne siamo certi, tornerà presto a far parlare di sé.

Audes è fiera di aver regalato le t-shirt dedicate all’evento che sono state vendute agli spettatori e con il cui ricavato la polisportiva finanzierà la partecipazione al prossimo campionato terza categoria, dove la scorsa stagione ha agguantato il secondo posto nel proprio girone, vincendo la Coppa Disciplina come squadra distintasi per fair play.

Nella foto – Il Sindaco di Padova Massimo Bitonci con la T-shirt dell’evento regalata da Audes